Notice: wpdb::prepare è stato richiamato in maniera scorretta. La query non contiene il numero corretto di segnaposti (2) in relazione al numero di argomenti trasmessi (3). Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.8.3.) in /var/www/clients/client0/web33/web/wp-includes/functions.php on line 4773
Basilica San Marco Cronologia Essenziale

Cronologia Essenziale

829
Trasporto del corpo di San Marco da Alessandria d’Egitto a Venezia (Doge Giustiniano Partecipazio)
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

 

832
Consacrazione della prima chiesa di San Marco (doge Giovanni Partecipazio);
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

 

976-978
Incendio della chiesa per la rivolta contro il doge Candiano IV e sua ricostruzione sotto il Doge Orseolo I il Santo:
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

 

1063
Inizio della ricostruzione dell’attuale chiesa (doge Domenico Contarini):
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

 

1071-1084
Inizio della decorazione a mosaico (Doge Domenico Selvo):
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

 

1094
Consacrazione della chiesa (Doge Vitale Falier);
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

 

1204
Quarta Crociata e trasporto in basilica di marmi e di opere d’arte portate a Venezia a seguito della conquista di Costantinopoli (quattro cavalli, icona della Madonna Nicopeia, smalti della pala d’Oro, reliquiari, croci, calici, patene, oggi nel tesoro: Doge Enrico Dandolo);
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

 

1265
Mosaico di Sant’Alipio con documentazione dell’esterno della basilica;
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

 

1343-1354
Costruzione del Battistero e della Cappella di Sant’Isidoro (doge Andrea Dandolo);
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

 

1394 – Costruzione dell’iconostasi e delle sculture che la decorano di Jacobello e Pier Paolo dalle Masegne
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………
Fine Trecento e primi Quattrocento
Decorazione gotica della facciata con cuspidi, edicole, sculture di angeli e di santi;
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

 

1419
Incendio sulla parte anteriore del tetto della basilica;
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

 

Prima metà del Quattrocento
Intervento di artisti toscani (Maestro Nicolò e Pietro Lamberti e forse Jacopo della Quercia) nelle sculture della facciata: artisti fiorentini nei mosaici della basilica (Paolo Uccello è documentato nel 1425).
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

 

Metà Quattrocento
Ornamento musivo della Cappella dei Mascoli;
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

 

1486
Costruzione della Sacrestia a fianco dell’abside (a cui segue la ricostruzione della chiesetta di San Teodoro a opera di Giorgio Spavento, proto della basilica);
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

 

1496
Documentazione dell’esterno della basilica nel quadro di Gentile Bellini: Processione della reliquia in Piazza San Marco;
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

 

.1504-1521
Costruzione della Cappella Zen nel braccio destro dell’atrio, costruzione che ha otturato il solenne portale d’ingresso verso la laguna;
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

 

1529
Intervento del Sansovino per il consolidamento delle mura e delle cupole della chiesa;
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

 

1617
Sistemazione dell’altare della Nicopeia e dell’altare del Santissimo Sacramento (a sinistra e a destra dell’altare maggiore);
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

 

1797
Caduta della Repubblica;
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

 

1807
La Basilica diviene sede del patriarca di Venezia, fino allora a San Pietro a Castello.
…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………